Ultimo aggiornamento: Lunedì, 08 Marzo 2021 Ore 14:47:03 Aggiorna
  • 1.687,60
    -0,64%
  • 65,88
    -0,32%
  • 23.446,50
    +2,09%
  • 3.712,38
    +1,17%
  • 31.496,30
    +1,85%
  • 3.841,94
    +1,95%
  • 12.920,15
    +1,55%
  • 28.743,25
    -0,42%

Bitcoin, un asset che si sta facendo strada

Perché il Bitcoin sta suscitando maggiore interesse anche tra i “non tecnici”


Ora che il Bitcoin è tornato ai massimi di un paio di anni fa, improvvisamente è scoppiato l’ottimismo anche tra gli operatori della finanza che conosco. Tutti ne parlano e tanti stanno cercando un modo per comprare il Bitcoin. 

Siamo piombati in sindrome FOMO? FOMO  è l’acronimo di Fear of Missing Out, che tradotto per i non anglofoni significa ‘Paura di perdersi un’ occasione’.  Quando subentra la sindrome FOMO il discorso relativo alla valutazione dell’investimento salta del tutto e subentra la paura di perdersi l’occasione della vita, il treno che passa una volta sola e che se non lo prendi ti pentirai per sempre. 

Condurre le attività di investimento con questo sentimento è controproducente e se non ti puoi permettere di perdere stupidamente i tuoi soldi dovresti esimerti dal comprare qualsiasi cosa senza aver fatto una debita analisi e senza aver preso una decisione ragionata.

Bitcoin asset: la sua fase di crescita

Detto questo, cerchiamo di capire di più di questo Bitcoin e  di capire cosa sta accadendo. 

L’asset Bitcoin (Criptovaluta) è sicuramente un asset in cui si può investire. Il web è pieno di approfondimenti tecnici che non affrontiamo in questa sede, dove cercheremo invece di capire come ci dobbiamo porre nei confronti del Bitcoin dal momento in cui ci si pone il quesito se acquistarlo oppure no. 

Rispetto alle fasi iniziali, subito dopo la sua creazione, oggi il Bitcoin non è più un asset che può interessare soli tecnici.  Infatti, molti ormai tra banche, istituzioni, fondi di investimento e catene di negozi retail hanno studiato e implementato un business intorno al Bitcoin, legittimandolo su scala Globale.

E’ ora possibile usare il Bitcoin per completare una grande serie di transazioni di acquisto di beni e questo evento di sicuro ha posto il Bitcoin in una luce diversa da quando è stato creato una decina di anni fa. 

La società, intesa come insieme dei governi, istituzioni finanziarie e non, contemporanea ha preso la sua decisione attraverso i meccanismi di mercato e ha legittimato la criptovaluta. Questo ci lascia quindi con un asset da analizzare e una grande assenza di contenuti sottostanti. 

Bitcoin asset: come valutarlo? 

Al momento le caratteristiche sono la scarsità e la sicurezza. Stiamo parlando di un asset che in alcune sedi di dibattito si vuole paragonare all’oro. E come nel caso dell’oro, per ‘estrarlo’ bisogna spendere dei soldi, in questo caso apparecchiature elettroniche ed energia elettrica, mentre nel caso dell’oro per l’estrazione servono minatori, macchinari e aziende con relativi costi associati. 

Di contro la commercializzazione dell’oro porta con sè elementi di costo legati alla sicurezza, al trasporto, allo storage, mentre nel caso del Bitcoin basta caricarlo su una chiavetta e portarlo ovunque si vuole

Quindi il valore dell’asset Bitcoin dipende da quanto sarà la propensione a comprare un valore di scarsità, scambiabilità globale e sicurezza e per quanto capiamo noi anche anonimato (da approfondire). 

Inoltre, chi compra il Bitcoin dev'essere pronto sia a vederlo andare alle stelle (in mancanza di parametri oggettivi non c’è limite al suo reale valore) oppure anche a perdere tutto (se la comunità cambiasse idea per qualsiasi ragione in mancanza di compratori marginali il valore del Bitcoin potrebbe tornare a zero da dove  è venuto e nessuno potrebbe dire più niente a riguardo). 

Bitcoin asset: un mercato che attrae i compratori marginali 

Quello che fa la differenza come in qualsiasi mercato è  il compratore marginale e infatti abbiamo notato tutti la mole di contenuti a pagamento che ci bombardano in ogni momento della giornata, su ogni pagina che visitiamo. Chi paga quei contenuti e perché? 

Visto da quel punto di vista chi spinge il Bitcoin sta sicuramente facendo un ottimo lavoro e il successo delle azioni di marketing si vede chiaramente nei risultati ottenuti. C'è il rischio che questo trend cambi, anche solo temporaneamente? Di sicuro sì. Per essere precisi potrebbe accadere che dal momento in cui le comunicazioni a riguardo del Bitcoin dovessero iniziare a essere negative nulla esclude che i compratori, vista la mal parata, possano mettersi a vendere e quindi decretare una forte correzione. 

Quando il Bitcoin sarà accettato come garanzia dalle istituzioni finanziarie come quota capitale per investimenti in asset reali, da quel momento non sarà più possibile tornare indietro, ovvero non si potrà tornare indietro senza danneggiare il sistema.

Per concludere, il Bitcoin è un asset il cui prezzo è determinato dal mercato. E per mercato si intendono tutti quelli che comprano e vendono il Bitcoin e di cui non sappiamo la reale identità.  

Bitcoin asset: conclusioni

Non esiste un sottostante al di là della caratteristica di scarsità che ne possa determinare il valore. Per cui, se per qualsiasi motivo pensiate che ci siano altre persone interessate nel futuro a comprare Bitcoin a prezzi più alti, allora va bene comprarlo oggi, altrimenti meglio di no. 

A riguardo del suo valore si può dire proprio tutto, ma non si sa ancora abbastanza. In alternativa, in questi giorni si può investire in azioni che trattano ancora quasi tutte a sconto rispetto al valore che avranno quando l’emergenza sanitaria sarà terminata.