Ultimo aggiornamento: Lunedì, 19 Ottobre 2020 Ore 18:15:03 Aggiorna
  • 1.911,85
    +0,29%
  • 41,27
    +0,36%
  • 19.374,21
    -0,08%
  • 3.234,75
    -0,33%
  • 28.513,85
    -0,32%
  • 3.469,30
    -0,42%
  • 11.627,49
    -0,38%
  • 23.671,13
    +1,11%

Brembo post covid-19: la ripresa dopo la brusca frenata

In che modo Brembo si è risollevata dal periodo di crisi e perché considerarla un’eccellenza da non sottovalutare


Quando il lockdown ha colpito l’Italia e pure Brembo, la società di Bergamo non è stata colta di sorpresa.

Ricordiamolo, Brembo produce impianti frenanti per auto ad alte prestazioni e ha sedi sparse in tutto il mondo. Come tutte le aziende di tale levatura internazionale, Brembo è stata messa in allerta dalla chiusura dei tre impianti in Cina. Ragione per cui è stata subito creata la task force per gestire l’emergenza  che è entrata in azione per proteggere il buon andamento della produzione e per limitare i danni.  Di conseguenza Brembo è stata in grado di chiudere per tempo i suoi impianti in tutto il mondo e riaprire in anticipo rispetto ad altri concorrenti. 

Il Q2 è stato colpito in modo particolare a livello produttivo, perché ad Aprile gli impianti sono stati chiusi simultaneamente un po’ ovunque. Tuttavia a partire da Maggio le graduali riaperture hanno fatto segnare dei forti recuperi, segno che il settore delle auto di alta gamma ha ripreso con velocità. Le vendite di auto di lusso in Cina a Maggio 2020 sono salite del 38% se confrontate con Maggio 2019.

Se da un lato è difficile fare previsioni per il 2020, va però detto che nell’ambito del segmento automotive ed engineering Brembo è sicuramente un’azienda di raro pregio.

Riassumendo in pochi punti i motivi per cui riteniamo che possano raggiungere livelli più alti: 

Produzione integrata: tutta la linea di produzione è di proprietà di Brembo, a partire dalla fonderia. Per cui quando l’impianto produttivo ha riaperto, lo ha fatto all’unisono consentendo una risposta immediata anche agli ordini dei suoi clienti esigenti.

I grandi investimenti degli ultimi anni garantiscono a Brembo la possibilità di rispondere con precisione e tempismo all'andamento della produzione dei suoi clienti. Per i prossimi due anni Brembo può continuare con i soli investimenti per Ricerca & Sviluppo ( 5% delle vendite). Questi investimenti sono necessari per mantenere il vantaggio sulla concorrenza. Non esiste nessun produttore nel mercato in grado di fare la stessa cosa di Brembo, con gli stessi tempi, standard, qualità e brand power.

Infine, è importante considerare che Brembo è un'azienda con pochissimo debito, con floride linee di credito e con un margine operativo lordo del 20%

Stante la situazione incerta legata alle chiusure di futuri focolai è  difficile fare delle previsioni, ma è evidente che se si vuole avere un'esposizione al segmento automotive con basso rischio di sopravvivenza aziendale Brembo è una scelta di eccellenza

Aggiungiamo che il segmento del lusso ha ripreso a livello borsistico quello che aveva perso ( basti guardare l’andamento di Ferrari) mentre Brembo, le cui sorti sono  strettamente legate a tale segmento, ha ancora strada da fare prima di tornare ai prezzi di pre-crisi. Il che, in assenza di ulteriori bad news, può rappresentare nel medio periodo una scommessa interessante da analizzare.