Ultimo aggiornamento: Domenica, 01 Agosto 2021 Ore 16:14:02 Aggiorna
  • 1.816,90
    0,00%
  • 73,72
    +0,14%
  • 25,547
    -0,91%
  • 4,4785
    -0,99%
  • 1.045,50
    -2,07%
  • 2.664,00
    +0,79%
  • 3,915
    -3,55%
  • 2,1872
    -0,22%

Educazione finanziaria e formazione

Educazione finanziaria e professionale al Salone del Risparmio di Milano


Gli italiani sanno prendere decisioni finanziarie? La maggior parte dei cittadini non sembra avere le conoscenze adeguate, soprattutto perché il mondo economico - finanziario è in continua evoluzione ed è sempre più complicato reperire informazioni fresche, attendibili e veritiere.

Uno dei sette percorsi tematici presenti al Salone del Risparmio 2019 di Milano è denominato “educazione finanziaria e formazione professionale” e tratta anche questo tema. In un contesto che cambia di continuo è necessario avere le indicazioni di un esperto, che ci formi e ci dia le linee guida, soprattutto nel caso si decida di investire i propri risparmi da soli.

Oggi i millennials e ancora di più la generazione Z si informano su youtube e reputano affidabile un video, solo perché ha migliaia o milioni di views; è quindi indispensabile che ci siano dei canali di informazione finanziaria solidi e affidabili.

Informazione finanziaria accreditata

L’informazione finanziaria corretta quindi può essere reperita online, ma deve provenire da una fonte certificata. Il cittadino medio di frequente è reticente nei confronti delle banche o degli istituti finanziari in generale e in modo quasi paradossale tenta di reperire informazioni tecniche sul web, senza però avere un’idea di partenza o un intento preciso di quello che riuscirà a trovare in rete. É importante che le scelte economiche e che implicano una perdita o un guadagno di denaro siano prese con criterio, seguendo l’andamento dei mercati e valutando il proprio patrimonio, anche immobiliare e non solo monetario in senso stretto. In un Paese come il nostro dove la tecnologia è alla portata di tutti e la rivoluzione digitale ha cambiato profondamente abitudini, esigenze e stili di vita, non bisogna farsi “prendere la mano” e fidarsi di chiunque. Il mondo digitale in questo senso può dare un grande aiuto all’utente che desidera un’informazione aggiornata, corretta e trasparente, al pari di quella di un telegiornale o di un altro media ritenuto affidabile per definizione.

La recente approvazione della normativa europea Mifid II, mira proprio a questo: alla trasparenza. La disciplina 2.0 che regola servizi finanziari europei parla di adeguatezza di servizi, personale preparato e comunicazione con il cliente: principi che devono valere anche per il web. Una conoscenza diffusa in ambito finanziario migliora la qualità della vita del singolo e riporta i suoi benefici in una collettività più istruita e di conseguenza più consapevole.