Ultimo aggiornamento: Giovedì, 15 Aprile 2021 Ore 00:54:02 Aggiorna

È Leopoldo Gasbarro il nuovo Direttore del Wall street Italia

Investorado ha incontrato il noto giornalista finanziario per parlare del suo incarico da direttore e del futuro finanziario degli italiani


È Leopoldo Gasbarro il nuovo direttore della rivista Wall street Italia, il mensile indipendente destinato a investitori evoluti e ai professionisti della finanza. Noi di Investorado abbiamo incontrato il noto giornalista per sapere com’è arrivato a ricoprire questo ruolo e per avere un suo parere sul futuro finanziario degli italiani.

Gasbarro definisce la sua carriera come una crescita graduale, ma soprattutto naturale: ha iniziato a lavorare come consulente finanziario e giornalista sportivo ed è riuscito a legare due mondi diversi diventando il giornalista economico - finanziario che conosciamo oggi.

La collaborazione che ha instaurato con Il Sole 24ore, la rubrica settimanale de il Giornale da lui curata, la trasmissione “mercati che fare” che conduce su TgCom24 e la forte presenza sui social network sono solo alcuni dei motivi che l’hanno portato a diventare direttore. Il neodirettore ci racconta come questo incarico sia un nuovo punto di partenza per la sua carriera professionale, ma il suo obiettivo rimane quello di sempre: fare in modo che il risparmio di questo Paese sia tutelato e remunerato in modo dignitoso. Questo è possibile farlo solo se si parte dalla comunicazione.

“Nei miei libri, negli articoli di giornale e nelle mie trasmissioni ho sempre gestito la comunicazione nella direzione di portare semplicità verso il mondo del risparmio, che tante volte non si lega con il mondo della finanza che ha terminologie molto tecniche, dalle quali il risparmiatore si allontana” ci racconta Gasbarro. E continua: “c’è estremo bisogno di una cultura finanziaria diffusa, che però può essere insegnata solo partendo dagli operatori finanziari e da chi opera in questo settore; non si può pretendere che il risparmiatore, qualunque esso sia, si informi in totale autonomia, quando torna a casa dopo una giornata lavorativa”.

Il direttore sostiene però che l’informazione debba essere veicolata in fretta perché siamo il Paese che fa crescere meno i nostri risparmi: il risparmio generale in Italia è in grossa difficoltà ed è un dramma per il contesto socio-economico in cui viviamo. Si rischia addirittura di incorrere nel paradosso del rischio di longevità, dove i cittadini vivono più a lungo rispetto al passato ma non hanno abbastanza denaro per farlo in modo decoroso.

Da sempre gli italiani sono dei grandi risparmiatori, ma non sanno far fruttare la loro ricchezza. Adesso è il momento di invertire la rotta.
“Sarebbe come avere a disposizione un bacino idrico tra i più grandi al mondo e rischiare di morire di sete”, conclude il giornalista.
Se non iniziamo a dare remunerazione ai nostri risparmi, ma continuiamo ad essere ancorati al presente, rischiamo di vivere un futuro grigissimo e con poche prospettive.