Ultimo aggiornamento: Martedì, 16 Agosto 2022 Ore 06:35:01 Aggiorna
  • 1.795,70
    -0,13%
  • 88,86
    -0,62%
  • 20,198
    -0,37%
  • 3,6227
    +0,56%
  • 930,00
    -0,20%
  • 2.146,52
    -0,20%
  • 8,843
    +0,43%
  • 3,4474
    +0,74%

Investire nelle PMI innovative

Cosa sono le PMI innovative e perchè è vantaggioso investire in questo tipo di aziende


Le PMI (piccole e medie imprese) rappresentano la colonna portante del sistema produttivo economico nazionale.

Da marzo 2015 la legge Investment Compact (legge 24 marzo, n. 33) ha creato però una sottocategoria e sono così nate le PMI innovative, definite come tutte quelle piccole e medie imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica, a prescindere dalla data di costituzione, dall’oggetto sociale e dal livello di maturazione.

In particolare le PMI sono imprese che impiegano meno di 250 persone e il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio non supera i 43 milioni di euro.

I requisiti delle PMI

Queste imprese devono però avere requisiti specifici, che permettono loro di beneficiare di incentivi fiscali appositi:

  • devono essere residenti in Italia o in uno Stato membro dell’UE, o in uno Stato aderente all’accordo che riguarda lo spazio economico europeo; in ogni caso in Italia devono avere una filiale o una sede produttiva
  • devono essere costituite come società di capitali, anche in forma cooperativa
  • le loro azioni non devono essere quotate in un mercato regolamentato (ma possono essere quotate in una piattaforma multilaterale di negoziazione, come l’AIM)
  •  non devono essere registrate nel Registro delle Imprese nella sezione che riguarda le start-up innovative e gli incubatori certificati
  • sono in possesso di almeno due dei seguenti requisiti, che ne garantiscono il carattere innovativo:

- vantano l’impiego come dipendenti o collaboratori, in percentuale uguale o superiore a 1/5 della forza lavoro complessiva, di dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori, oppure in percentuale uguale o superiore a 1/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale;

- hanno la titolarità, anche quali depositarie o licenziatarie, di almeno una privativa industriale o di diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi da elaboratore

- hanno una spesa per la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione che è pari o superiore al 3% dei costi totali.

Investire nelle PMI: vantaggi e sgravi fiscali

In seguito all’emanazione della nuova legge di stabilità 2019 e all’autorizzazione da parte della Commissione Europea degli incentivi fiscali previsti per le somme investite nel capitale sociale delle PMI innovative, anche questa tipologia di impresa beneficia della seguente disciplina:

  • le persone fisiche hanno il diritto a detrarre dall’IRPEF annuo un importo pari al 30% di quello che hanno investito nel capitale sociale di una o più PMI. L’unico vincolo è quello di mantenere l’investimento per almeno tre anni e di non aver versato un importo superiore a 1.000.000 di euro nel corso dell’anno
     
  • le società hanno diritto a una detrazione dall’IRES medesima a quella che spetta alle persone fisiche sull’IRPEF, ma con la differenza che la soglia massima di investimento annua nelle PMI può essere di 1.800.000 euro.

Se sei interessato alle PMI innovative continua a seguire Investorado! Nel nostro portale potrai trovare articoli e approfondimenti che trattano questo tema.