Ultimo aggiornamento: Sabato, 16 Gennaio 2021 Ore 22:17:03 Aggiorna
  • 1.827,85
    -1,27%
  • 52,06
    -2,82%
  • 22.381,35
    -1,13%
  • 3.599,55
    -1,15%
  • 30.814,26
    -0,57%
  • 3.768,25
    -0,72%
  • 12.998,50
    -0,87%
  • 28.519,18
    -0,62%

Salone del mobile 2019: la design week di Milano

L’industria del legno-arredo vale il 5% del Pil italiano (circa 42 miliardi di Euro)


Milano fa network e il Salone del Mobile risponde (in modo positivo). Il settore del legno-arredo è l’emblema di quella parte d’Italia che funziona e che guarda al futuro.
Ricerca, materiali sempre più innovativi (sedie in magnesio e impiego di plastiche naturali), oltre che una rete globale: questi gli ingredienti perfetti dell’ennesima edizione della design week che si terrà fino a sabato nel capoluogo lombardo.

Il settore del legno-arredo vale 42 miliardi di Euro, ovvero il 5% del Pil italiano: un dato non trascurabile. Anche per questo motivo la manifestazione dev’essere un esempio per quella parte di Paese che vuole aprirsi al mondo e diventare un punto di riferimento all’estero. Delle oltre 2.400 imprese espositrici a Rho Fiera infatti, un terzo viene dall’estero: sono 43 i Paesi presenti.

Il Premier Conte definisce il Salone del mobile come “più di una fiera”, lo battezza “l’espressione di una cultura d’impresa italiana, che da sempre dimostra una vocazione internazionale”. E così dev’essere. Gli fa eco Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, che esalta l’evento e sostiene che sia una manifestazione per rendersi conto di come l’industria italiana possa essere anche un esempio positivo. In questo settore l’export per il 2018 è valso 14 miliardi di Euro, più della metà del fatturato totale, a dimostrazione di come l’internazionalizzazione sia stato il principale strumento di crescita negli anni.

La design week è quindi la dimostrazione di come uno sguardo al futuro, con i piedi ancorati al presente, sia lo spirito giusto nel nostro Paese. In un settore, quello del legno-arredo, che si fa strada in un periodo economico difficile e indica la via da percorrere a chi ancora ha qualche dubbio su quale sia quella giusta.