Ultimo aggiornamento: Giovedì, 27 Gennaio 2022 Ore 13:24:03 Aggiorna
  • 1.812,75
    -0,93%
  • 88,08
    +0,84%
  • 23,207
    -2,52%
  • 4,4793
    -0,79%
  • 1.028,30
    -1,68%
  • 2.346,52
    -0,17%
  • 4,074
    +0,94%
  • 2,7166
    +0,92%

Consob: intelligenza artificiale e tecnologia a tutela del risparmio

Paolo Savona, Presidente della Commissione nazionale per le società e la borsa, vuole implementare l'uso di tecnologie all'avanguardia


Intelligenza artificiale e tecnologia per tutelare il risparmio: è questa l’idea di Paolo Savona, presidente della Consob.

E l’idea di Savona piace agli operatori di mercato. Oggi i mercati sono estremamente complessi e si ha la necessità di valutare un certo numero di variabili in modo quasi immediato e costante; questa è un’abilità che difficilmente una persona fisica può acquisire in modo completo.

È necessario andare oltre alle normali analisi lineari e l’uso di tecnologie all’avanguardia, compresa l’intelligenza artificiale, consente di comprendere al meglio e in modo più efficace il rapporto rischio-rendimento.

Da sottolineare però come sia importante trovare un giusto equilibrio tra le esigenze di controllo e un progresso finanziario che non deve essere frenato.

Anche le Banche, che hanno in pancia gran parte del risparmio gestito degli italiani, vedono in modo positivo le azioni che consentono il migliore utilizzo delle nuove tecnologie.
In particolare gli istituiti di credito vedono di buon occhio la possibilità di avere una maggior visibilità delle informazioni, più velocità d’esecuzione e possibilità di verifiche direttamente sull’applicazione.

Inoltre, il settore bancario si vuole impegnare fortemente nel combattere la criminalità informatica. Questo ambito è infatti un canale tramite cui si possono realizzare le manipolazioni del mercato, per mezzo della pratica di attività illecite. I listini oggi sono ipertecnologici e questo ha dato il via alla creazione di algoritmi appositamente studiati per alterare le contrattazioni. È il caso di processi mirati per scoprire le strategie dei trader o di altri metodi per congestionare il mercato e condizionare il comportamento delle controparti.

L’obiettivo che si ha è quello di utilizzare l’intelligenza artificiale e i big data per contrastare gli abusi.

Infine la Consob ha un particolare progetto che riguarda la formazione delle nuove competenze. In Italia il livello di formazione in questo settore è di elevata qualità ma il problema è la velocità con cui vengono formati i laureati, che è inferiore a quella della domanda finanziaria. Servono più data scientist ed è necessario mettersi al passo con i Paesi esteri.

Se hai trovato interessante questo articolo continua a seguire Investorado! Pubblicheremo news, aggiornamenti e interviste che riguardano l'evoluzione del mondo economico-finanziario.